Post

Cannabis terapeutica per attenuare il morbo di Crohn?

Durante la United European Gastroenterology Week (UEG) 2018, che si è celebra in questi giorni a Vienna, la ricercatrice Timna Naftali, specialista in gastroenterologia, ha illustrato uno studio per misurare gli effetti della cannabis terapeutica sul morbo di Crohn.

Lo studio è stato condotto in Israele, presso il Meir Hospital di Tel Aviv e ha visto la partecipazione di 46 pazienti, tutti affetti da malattia di Crohn moderata o severa, ad oggi trattata con farmaci immunosoppressori (anti-Tnf-alfa) o biologici. Gli specialisti che avevano in cura i pazienti, li hanno suddivisi in due gruppi: uno trattato con placebo, l’altro con un olio contenente i due principi attivi della cannabis, il cannabidiolo (al 15 per cento) e il tetraidrocannabinolo (4 per cento).

Il confronto è andato avanti per otto settimane: durante e dopo le quali sono stati misurati i sintomi della malattia e la qualità della vita riferiti dai pazienti. Uomini e donne trattati con l’olio hanno evidenziato una significativa riduzione dei sintomi e, nel 65% dei casi, sono stati osservati i criteri di remissione della malattia: ovvero priva di dolore addominale, diarrea e fatica.

A ciò non è però corrisposto una riduzione del processo infiammatorio - rilevato attraverso una colonscopia e il dosaggio di alcuni marcatori in campioni di sangue e feci - che è alla base della malattia.

“Si è sempre pensato che questi effetti benefici fossero relazionati con una riduzione dell’infiammazione nell’intestino, così abbiamo condotto uno studio per verificare se così fosse” - ha sostenuto Naftali, riportando che:
"Abbiamo dimostrato che la cannabis può produrre miglioramenti misurabili nei sintomi della malattia di Crohn ma, con nostra sorpresa, non abbiamo riscontrato miglioramenti statisticamente significativi nei punteggi endoscopici o nei marcatori infiammatori che abbiamo misurato nel gruppo di olio di cannabis rispetto a con il gruppo placebo. Sappiamo che i cannabinoidi possono avere effetti anti-infiammatori profondi, ma questo studio indica che il miglioramento dei sintomi può non essere associato a queste proprietà anti-infiammatorie”.


“Con uno sguardo al futuro - ha concluso Naftali - il gruppo di ricercatori intende esplorare più a fondo le possibili proprietà anti-infiammatorie della cannabis nei trattamenti delle malattie infiammatorie intestinali. Ci sono valide ragioni per credere che il sistema endocannabinoide sia un potenziale bersaglio terapeutico nella malattia di Crohn e in altre patologie gastrointestinali. Per ora, tuttavia, possiamo considerare la cannabis medica come un intervento alternativo o aggiuntivo che fornisce un sollievo temporaneo dei sintomi per alcune persone affette da morbo di Crohn ".

Fonti:

Infosalus.com

Medical Xpress

Condividi sui tuoi social
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.